logo museo Rimoldi logo museo Paleontologico logo museo Etnografico
logo musei
versione inglese

Le Regole d'Ampezzo, le proprietà collettive di Cortina d'Ampezzo, oltre alla secolare gestione del patrimonio naturale di boschi e pascoli, svolgo un'attività culturale finalizzata alla valorizzazione e alla tutela dei beni storici e artistici della comunità ampezzana.

Tre sono le realtà museali delle Regole d'Ampezzo: il Museo Paleontologico Rinaldo Zardini, dedicato ai fossili delle Dolomiti; il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi con una delle più importanti collezioni del Novecento Italiano e il Museo Etnografico Regole d'Ampezzo, che illustra attraverso oggetti e immagini la tradizione silvo-pastorale della comunità regoliera.

Museo d'Arte Moderna "Mario Rimoldi"
riga
INFO

 

Museo Paleontologico "Rinaldo Zardini"
riga
INFO

 

Museo Etnografico "Regole d'Ampezzo"
riga
INFO

 

Le Regole d'Ampezzo attraverso l'attività educativa, le pubblicazioni e la collaborazione con altre istituzioni museali e culturali, promuovono e divulgano il ricco patrimonio museale.

Membership Card
riga

 

Attività didattica
riga

 

Pubblicazioni
riga

 

News
riga

 

Newsletter
riga

 

logo Piattaforma MQuadroPiattaforma multimediale MQUADRO

Inaugura martedì 21 giugno, alle ore 18, al Museo Paleontologico ‘Rinaldo Zardini’ di Cortina d’Ampezzo, la personale di Antonio Ambrosino, giovane artista napoletano che da anni sperimenta tecniche e forme della sua creatività.
La mostra, da titolo La forma del tempo testimonia l’interesse dell’artista per l’universo e i fenomeni che lo regolano, la forza creativa della natura, il dialogo con l’uomo dell’era digitale. L’arte contemporanea si intreccia con le collezioni del polo espositivo: La forma del tempo è un percorso di opere che Antonio Ambrosino ha eseguito nel corso degli ultimi anni che si snoda tra le vetrine del Museo, e che riattraversa così milioni di anni di storia del nostro pianeta.
In esposizione ben trentacinque lavori organizzati in due sezioni: la prima raccoglie esperienze dal tratte dal ciclo Naturalmente sguardi, stampe fotografiche montate su alluminio Dibonnd che dichiarano l’attenzione ai processi dell’osservare. Nella seconda sezione è protagonista la scultura con Metamorphoseon forme condizionate, un ciclo di sculture realizzate dal 2013 con le quali l’artista pone l’attenzione al mondo della materia e delle forme; Attimi e Frammenti raccolgono invece opere in legno, terracotta e resine realizzate tra il 2003 e il 2016 in cui l’artista osserva l’ambiente e ne coglie caratteristiche, trasformazioni, sollecitazioni.
Il dialogo è dunque con la forma, ossia con ciò che la realtà richiede all’opera, così come la storia millenaria narrata da ammoniti, crinodi, gasteropodi e coralli, insomma il vasto patrimonio che il Museo Paleontologico propone al visitatore. Lo sguardo di Antonio Ambrosino pone la realtà sotto una lente di ingrandimento per accompagnare la fantasia dello spettatore verso nuovi confini della propria immaginazione.
La mostra La forma del tempo sarà visitabile fino al 31 luglio, secondo l’orario del Muso Paleontologico ‘Rinaldo Zardini’.

INFO
A cura di Massimo Bignardi
Allestimento: Liceo Artistico Statale Cortina d’Ampezzo
Ufficio Stampa: Claudia Gennari
Partner dell’evento AMR Creative Department

Il concorso è rivolto agli studenti degli istituti scolastici di Cortina d’Ampezzo e della Valle del Boite con età compresa fra gli 11 e i 19 anni, e ai ragazzi della medesima età residenti a Cortina d’Ampezzo e non frequentanti gli istituti scolastici. La finalità è di stimolare la produzione di disegni in bianco e nero che abbiano a tema alcuni elementi floristici della flora locale, traendo libero spunto da fotografie di piante e fiori, opere pittoriche di autori noti, passeggiate e uscite sul territorio.
La proposta si inserisce in un progetto che il Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, assieme ai Musei delle Regole d’Ampezzo, intendono attuare fra il 2016 e il 2017, esponendo presso le sale del Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi” opere di grandi artisti incentrate sul tema della flora e, nel contempo, riservando uno spazio ad artisti locali di giovane età che intendano cimentarsi con il disegno artistico di elementi naturali.
Al fine di incentiva

QUADRI MUSICALI

Pubblicazioni delle Regole d'Ampezzo disponibili su ISSUU

logo news

NATURA AL TRATTO. MATITA E PENNA
Corso di pittura primavera 2016

Visto il positivo riscontro dell’iniziativa, le Regole d’Ampezzo propongono un nuovo corso di pittura del paesaggio. Maestri, gli artisti Paolo Barozzi e Gianni Segurini.

Gli incontri

Alla conoscenza del territorio

In collaborazione con il Parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo si offrono attività esterne di escursione naturalistica con i guardiaparco, di visita guidata alle attività forestali e di ricognizio

COMUNICAZIONE

Si comunica che i programmi culturali delle passate stagioni possono essere richiesti presso gli uffici delle Regole (museo@regole.it, 0436 2206)

Regole d'Ampezzo - Via Mons. P. Frenademez, 1 - I-32043 Cortina d'Ampezzo - Codice fiscale e partita IVA 00065330250